Accedi o registrati

Sei un nuovo utente? Registrati

Hai un account su un social network? Accedi con il profilo che preferisci


Hai un account CrazyForSport o Gioca?

CRONACHE SPORTIVE

22/10/2016
UNDER 14 Elite : La ISCOT spreca e Torino allunga nel finale

ISCOT FRANZIN – AUXILIUM TORINO 55 - 70 (13-16; 25-32; 45-45) 

ISCOT FRANZIN: Giacomiello, Puleo 1, Bonasea 6, Corino 15, Marenco 8, Mazzarella 2, Lanza, Magnano 4, Fiocchi ne, Perotti 2, Maltese 16. All. Petrucci.


AUXILIUM TORINO: Torazza 6, Garetto, Porcella 6, Vincini 6, Cennamo 4, Pagano 5, Massera 10, Anfossi 16, Bertone 2, Badariotti 16. All. Italia.


ARBITRI: sigg. Sellitri e Andreotti

La Iscot spreca e Torino allunga sul finale

In questa stagione gli Under 14 targati Iscot giocano in casa nel palazzetto di Cantalupa, ed è l’Auxilium Torino la prima a scendere in campo contro i padroni di casa sul nuovo campo di gioco. I biancoverdi devono fare a meno di Fabi, bloccato a letto dalla febbre alta nella mattinata, nonostante un’assenza importante la squadra si fa trovare pronta, gli arbitri danno inizio alla gara e i ragazzi di coach Petrucci giocano alla pari contro la forte compagine di Torino; è Maltese il primo a sbloccare il risultato e si va avanti con il punteggio in sostanziale parità. Il grande lavoro di Magnano in difesa su Anfossi limita uno dei migliori tra le file dell’Auxilium, ma a dare problemi alla difesa di casa è Badariotti che riesce a portare i suoi sopra di 7 all’intervallo. Le squadre rientrano dagli spogliatoi e la Iscot esprime il gioco che li contraddistingue, grande pressione difensiva, contropiede e precisione al tiro, nel giro di pochi minuti i biancoverdi rimettono la gara in parità, il time-out di Italia ridà la scossa a Torino che riesce a superare il momento di difficoltà e riprende ad infastidire la difesa di casa. Inizia l’ultimo periodo in parità e come spesso succede chi sbaglia meno riesce a portare a casa i 2 punti. La Iscot ha la possibilità più volte di allungare sugli avversari, ma non riesce ad approfittarne risultando poi troppo imprecisa e macchinosa nella conclusione; la stessa possibilità la ha Torino a metà quarto, i biancoblu si fanno però trovare più pronti e danno lo strappo decisivo alla gare. A nulla serve il time- out dei padroni di casa che provano ad accorciare le distanza, ma sono troppo frettolosi. Negli ultimi minuti gli ospiti trovano tutto troppo facile e segnano addirittura gli ultimi 2 punti sulla sirena. La Iscot ha giocato una buona gara, ma non è riuscita a imporre il proprio gioco nel momento decisivo e la maggior prestanza fisica degli avversari alla fine ha fatto la differenza. La squadra è in crescita ed avrà l’occasione di dimostrarlo nella gara di ritorno. Adesso però è tempo di pensare alla prossima gara, anche questa sarà una partita nella quale la concentrazione potrà fare la differenza: domenica 30 ottobre alle 17.15 la Iscot sfiderà la PMS al PalaEinaudi.